Vito Gamberale


Vito Gamberale è un ingegnere, laureato presso la Facoltà di Ingegneria Meccanica dell'Università di Roma La Sapienza.


Dal 2007 è Amministratore Delegato di F2i - Fondi Italiani per le Infrastrutture; F2i è una società privata e istituzionale che si occupa di investimenti nel settore delle infrastrutture, in un unico Paese, l'Italia.
Nato nel 1944, consegue la laurea nel 1968 e in questo stesso anno lavora per l'ANIC, Azienda Nazionale Idrogenazione Combustibili parte del Gruppo ENI, finché viene assunto come analista industriale, dall'Istituto Mobiliare Italiano, ente dedicato a rilanciare l'economia finanziando le industrie.


Questa esperienza gli permette di sviluppare grandi competenze professionali e conoscenze che l'ing. Gamberale metterà poi a frutto negli anni e gli impieghi successivi, a partire da Gepi, Società per le Gestioni e Partecipazioni Statali, una partecipata di IMI presso la quale lavora per 7 anni.
Dopodiché torna al Gruppo ENI.


Con l'arrivo degli anni '90 Vito Gamberale entra nel settore della telefonia italiana: Amministratore Delegato di SIP prima ), Direttore Generale della Telecom Italia e Amministratore Delegato della Tim (Telecom Italia Mobile) poi. Egli stesso contribuisce alla realizzazione della TIM e alla nascita dei primi cellulari, registrando significativi successi e una rilevante crescita: i clienti mobili passano da 300.000 a 16 milioni, il fatturato cresce da 2.850 a 12.000 miliardi di lire e la capitalizzazione di Borsa passa da 10.784 a 86.930 miliardi.
Alla fine degli anni '90, invece, entra a far parte di un fondo di private equity della famiglia Benetton: 21 Investimenti.


Con il 2000, diventa Amministratore Delegato di Autostrade e la trasforma in multinazionale.

Nel gennaio 2007 progetta e realizza F2i di cui ricopre, ancor oggi, la carica di Amministratore Delegato. Questo Fondo raccoglie 1.852 milioni di euro destinati a investimenti in aeroporti, distribuzione di gas, energie rinnovabili, reti in fibra ottica e molto altro ancora.

Vito Gamberale nel 2007 è inoltre insignito della laurea honoris causa in Ingegneria delle telecomunicazioni dall'Università di Roma Tor Vergata, grazie alla sua lectio magistralis "Le Telecomunicazioni in Italia: da un passato autorevole ad un presente incerto. Quale futuro?" che analizza il panorama delle telecomunicazioni in Italia dagli anni Novanta in poi.
E' poi Presidente dell'Associazione Onlus "Amici della Speranza".

Uno sguardo sul duemiladodici - Capitoli